Il galateo a Tavola

Come apparecchiare, cose da non fare a tavola,servire a tavola, le presentazioni ed altro ancora..

COME APPARECCHIARE LA TAVOLA


1 Forchetta da prima portata
2 Forchetta da seconda portata
3 Coltello da carne o da pesce
4 Cucchiaio da minestra
5 Sottopiatto segnaposto con tovagliolo
6 Cucchiaio da dessert
7 Forchettina da frutta (si può apparecchiare fra i due anche il coltellino da frutta)
8 Sottobicchiere grande da acqua
9 Sottobicchiere medio da vino rosso
10 Sottobicchiere piccolo da vino bianco
11 Sottocoppa spumante
12 Piattino per il pane


ASSEGNAZIONE POSTI A TAVOLA


L'assegnazione dei posti:

ad un pranzo l'assegnazione dei posti puo' indicarsi con cartellini che riportano i nomi dei commensali (se si e' in piu' di otto).
Solo nei pranzi formali si indicano i titoli delle persone.
I padroni di casa siedono a capotavola e di fronte, quando il numero degli ospiti consente di trovare posto ad un'unica tavola.
Alla loro destra l'ospite piu' importante e di maggior riguardo, non dimenticando l'alternanza uomo-donna tra tutti i commensali.
Il padrone di casa avra' alla destra la signora piu' importante e alla sinistra un'altra signora;
la padrona di casa: alla destra l'uomo piu' importante, alla sinistra un altro ospite.
Inoltre 'lei' siede dirimpetto alla porta d'ingresso della sala.

Se questa disposizione non fosse possibile (ad esempio nel caso di un tavolo rettangolare con otto persone) la padrona di casa siede a capotavola, avendo di fronte l'invitato piu' importante.
Regola primaria da seguire e' l'alternanza uomo-donna.
Nei pranzi di famiglia, presenti i quattro suoceri, il padrone di casa ha alla destra la suocera, alla sinistra la madre. La padrona di casa: alla destra il suocero, alla sinistra il padre.
Una coppia invita un'altra coppia: le due signore, una di fronte all'altra.
La padrona di casa avra' alla sua destra l'invitato, alla sinistra il marito.
Se la tavola e' rettangolare: la padrona di casa e l'invitato siedono dallo stesso lato (lui alla destra di lei), il padrone e l'invitata sull'altro lato (lei alla destra di lui).
Una coppia invita una persona sola: se donna siede alla destra del padrone di casa; se uomo, alla destra della padrona.
Le signore divise dai rispettivi mariti.
Egualmente divisi i grandi amici e i colleghi di lavoro.

Gli stranieri trovano posto a fianco di persone che parlano la loro lingua, facilitando in questo modo il loro inserimento nella conversazione.
Persone con interessi comuni vanno disposte in prossimita', favorendo in questo modo la loro conversazione.
Posti d'onore sono quelli alla destra del padrone e della padrona di casa.


COSE DA NON FARE A TAVOLA


Augurare buon appetito
Toccarsi i capelli, allentare cinture e/o bottoni,
Truccarsi
Parlare con la bocca piena,
Leggere,
Telefonare,
Parlare ad alta voce con persone all'altro capo della tavola,
Fumare,
Tenere i gomiti sul tavolo,
Mangiare con i gomiti alti,
Tenere le mani sotto il tavolo,
Alzare il mignolo mentre si beve,
Sorseggiare la minestra,
Soffiarsi il naso,
Poggiare le posate sporche sulla tovaglia,
Alzarsi prima che tutti abbiano terminato ma se è proprio necessario almeno chiedere scusa, giustificando l'azione.
Non masticare i cibi con la bocca aperta e non fare rumore


COME SERVIRE A TAVOLA


I piatti da portata si ricevono da sinistra, cominciando dalla persona di maggior riguardo.
Si continua servendo tutte le signore fino alla padrona di casa (che si trova al lato opposto del marito).
Quindi, nell'ordine: l'uomo alla destra della padrona di casa, tutti gli uomini, il padrone di casa.
Il vino si serve dopo il primo giro di antipasti, mescendo non oltre la meta' del bicchiere (dipende dal tipo di vino a dalla linea del bicchiere).
Con il cambio del tipo di vino anche il bicchiere va sostituito.
Prima di servire il dessert e' consigliabile togliere i bicchieri superflui.
I piatti si sostituiscono ad ogni cambio di portata, ma solo quando tutti i commensali avranno terminato.
Il piatto da sostituire, e l'eventuale piatto piano su cui questo appoggia, va tolto da destra, lasciando sulla tovaglia il sottopiatto.
Il nuovo piatto, tiepido se la pietanza che segue e' calda, si mette sul sottopiatto da sinistra.
Si servono una sola volta: il brodo in tazza, la minestra, il formaggio, la frutta.
La pietanza va servita due volte: al primo giro i commensali si servono in modo contenuto, proprio per poter accettare il secondo passaggio, evitando in tal modo di lasciare che a tavola ci sia una sola persona a farlo.
Il pane sistemato nell'apposito piattino (in alto, a sinistra) si rimpiazza prontamente prendendolo dal cestino, utilizzando le pinze o, in mancanza, il cucchiaio e la forchetta.
Prima del dessert il piattino del pane va tolto dalla tavola e spazzolate le eventuali briciole.
Caffe', liquori, bibite e dolcetti si servono in salotto.
Il caffe' va portato in salotto e impegno della padrona di casa e' quello di versarlo nelle tazzine, chiedendo ad ogni ospite quanto lo desideri zuccherato.
Il padrone di casa si occupa dell'offerta dei liquori o delle bibite, mentre la padrona di casa serve i cioccolatini o i dolcetti.


BON TON PER I CLIENTI AL RISTORANTE


Entra prima l'uomo, che tiene aperta la porta e fa passare la propria signora.
Il principio fondamentale è che l'uomo deve fare da 'parafulmine' alla donna entrando per primo in un qualsiasi luogo pubblico,
e controllando in tal modo anche che il luogo sia 'consono'.
Quando il cameriere arriva per l'ordinazione, siate chiari e non fate confusione.
Il tovagliolo si tiene aperto sulle gambe, schiena eretta, staccata dal sedia.
In caso di emissione di rumori corporali non bisogna assolutamente chiedere scusa, i presenti potrebbero non essersene accorti.
Il capotavola aspetta che i piatti di tutti i commensali siano serviti, e viceversa i commensali aspettano che il capotavola inizi per primo il suo pranzo.
È maleducazione mangiare il pane prima di essere serviti o fra un piatto e l'altro,
bere senza prima aver passato l'acqua/vino al commensale alla propria destra o sinistra che ha il bicchiere vuoto.
Non assaggiare dal piatto di altri e se lo fate assicuratevi che la persona che vi offre l'assaggio sia sinceramente disposta.
In caso di problemi, chiedere del direttore o del proprietario e non lamentarsi con il cameriere.
Non chiamare il cameriere e se proprio è necessario farlo con un piccolo gesto della mano.
Si utilizzano prima le posate più esterne e via via quelle più interne.
Terminata una portata non si lasciano ai lati del piatto a mo' di 'remi',
ma (parallele) nel piatto nella posizione delle '6.30' o delle '4.20' con il coltello a destra e la lama rivolta verso la forchetta.


BON TON PER IL CAMERIERE



Gentilezza
Igiene personale
Vestiti corretti (pantalone lungo e camicia se è possibile maniche lunghe, scarpe nere e CALZINI NERI)
I piatti si portano sul braccio sinistro e uno sulla destra
La bravura del cameriere non si misura nella quantità dei piatti che porta, in un ristorante di certi livelli non si porta più di 3+1 piatti
Se nel tavolo non vi sono più di 6 persone la portata viene sempre servita prima alle donne
Le bevande vanno servite alla destra dei commensali, e il cibo da sinistra
Non si tiene MAI le mani nel piatto ma si prende sempre al bordo
I bicchieri e Le posate non vanno MAI portati con le mani, non è igienico

Si consiglia di:
Essere educati e disponibili
Essere informati sui vini e su come abbinarli alle pietanze
Essere informati su come vengono preparate le pietanze (ingredienti ecc.)
Prestare particolare attenzione a clienti allergici o intolleranti


BON TON PER LA PADRONA DI CASA


La padrona di casa deve:

accogliere con il sorriso ogni invitato, gli invitati devono ricevere conferma che la loro visita sia la piu' desiderata;
avere anche un pur breve colloquio con tutti gli ospiti;
mantenere il sangue freddo e il sorriso, minimizzando ogni 'incidente' o 'disguido' che dovesse accadere
rianimare conversazioni languenti o tristi e allontanarle da argomenti spinosi o imbarazzanti per altri ospiti
interrompere le discussioni troppo accese, con tatto, cambiando argomento
fare attenzione che ognuno abbia il bicchiere pieno e i fumatori, se non disturbano i commensali,
i portacenere a portata di sigaretta
non costringere gli invitati a bere.
Il padrone di casa, oltre ad aiutare la consorte nell'assistere gli ospiti, si occupa:

della scelta e del servizio dell'aperitivo, dei vini, dei liquori
del servizio dei formaggi e del vino che li accompagna


BON TON PER LE PRESENTAZIONI


La presentazione deve essere fatta possibilmente da una terza persona che si preoccupa di far conoscere le parti.

La persona di minor riguardo viene presentata a quella di maggiore importanza:
l'uomo alla donna, la persona con la quale si ha maggiore familiarita' a quella che si conosce meno
la persona di maggior prestigio a quella di grado superiore
la giovane alla signora, il giovane alla giovane ecc. ecc.
La signora risponde con un sorriso, mentre l'uomo si dichiara 'molto lieto'.
Il coniuge viene presentato nel modo piu' semplice: mia moglie, mio marito, evitando di usare formule ridicole quali: la mia signora; il dottore X, mio marito; la mia meta', la mia padrona ecc. ecc.

La persona presentata non deve porgere la mano per prima, ma aspetta 'l'accettazione'.
Gurdare negli occhi la persona presentata mentre si porge la mano.
L'uomo se seduto, alla presentazione si alza.
Non le signore, a meno che la presentazione sia di una persona anziana.


COME SERVIRE L' APERITIVO


L'aperitivo va servito in continuazione, senza attendere la presenza di tutti gli ospiti.
Serve per riempire questo spazio.
Lo stimolo dell'aperitivo non viene dalla gradazione alcolica, ma dalle sostanze amare e aromatizzanti.